3 parametri per gestire il ragionamento di Algho

Confidenza, Flessibilità e Corrispondenza in Algho

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Confidenza, Flessibilità e Corrispondenza: come regolare il modo di pensare del tuo Assistente Virtuale e renderlo più performante. 

Con Algho siamo di fronte ad un ecosistema di tecnologie di intelligenza artificiale che permettono ad un umano di dialogare proattivamente con un assistente virtuale.

Si tratta di una conversazione che non si esaurisce quindi nel semplice schema domanda/risposta, ma di un dialogo vero e proprio che può svilupparsi su più livelli, dando vita ad una vera e propria dialettica strutturata.

Ma in che modo Algho decide quale risposte associare alle richieste fatte dall’utente?

Come vedremo tra poco sarà possibile gestire questo processo di inferenza regolando alcuni parametri fondamentali che permettono di condizionare la modalità di scelta di un contenuto piuttosto che di un altro.

Leggi anche: “Assistente Virtuale o chatbot? La differenza la fa l’Intelligenza Artificiale”

I 3 parametri: Confidenza, Flessibilità e Corrispondenza

Vediamo insieme nel dettaglio questi tre valori e quale funzionalità svolgono:

  • CONFIDENZA – La confidenza è un parametro che serve a determinare l‘accuratezza di selezione della domanda da associare alla richiesta dell’utente.

Più è alta la soglia, più l’assistente sarà sicuro della risposta che darà all’utente, ma allo stesso tempo è più alto il rischio che l’assistente vada in ambiguità o che non sia in grado di rispondere. 

Un Assistente con un elevato grado di confidenza, rischierà di sbagliare nel dare la risposta, come nel caso ad esempio di richieste complesse da parte dell’utente che non hanno un corrispettivo chiaro all’interno della base di conoscenza.

  • FLESSIBILITA’ – Questo parametro determina l’elasticità dell’assistente nell’interpretazione della domanda dell’utente.

Più è alta la flessibilità, più l’assistente riesce a generalizzare le richieste, ma allo stesso tempo è più alto il rischio che l’assistente vada in ambiguità

Un assistente poco flessibile rischia di andare in confusione se si trova difronte ad una domanda anche solo leggermente più strutturata da parte dell’utente, un assistente invece troppo flessibile rischia facilmente di generalizzare in maniera eccessiva una richiesta anche piuttosto chiara proveniente dall’esterno, andando di conseguenza in ambiguità.

In caso di ambiguità l’Assistente sarà però in grado, sempre e comunque, di suggerire uno spettro di domande che lui ritiene essere le più attinenti in confronto a quella posta dall’utente.

  • CORRISPONDENZA – In base a questo parametro l’assistente seleziona la risposta da dare in base all’importanza della componente sintattica nel caso sia settata su un livello alto, oppure della componente semantica nel caso sia settata su un livello basso.

Se decidiamo di dare maggior rilevanza alla parte sintattica, Algho selezionerà come risposta quella corrispondente alla domanda in base di conoscenza che grammaticalmente presenta una struttura simile a quella posta dall’utente.

Viceversa, nel caso della componente semantica, diventa rilevante la parola chiave contenuta nella richiesta del cliente, indipendentemente dalla forma grammaticale che la veicola. 

Questi parametri sono a loro volta regolabili attraverso cinque variabili che vanno da: molto bassa, bassa, media, alta, molto alta. 

Le loro combinazioni permettono di gestire e regolare il modo di ragionare di Algho e di avere, da parte dell’umano, una sorta di controllo sulla macchina.

Sarà fondamentale quindi testare il più possibile l’assistente prima di andare online, in modo da essere sicuri di aver trovato l’equilibrio migliore tra suddetti parametri che influenzeranno inevitabilmente le sue performances.

Prova a costruire il tuo Assistente Virtuale con Algho, cliccando qui.