7 modi in cui Algho supporta una Pubblica Amministrazione

Algho - Pubblica Amministrazione

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Come migliorare i servizi di una PA grazie all’intelligenza Artificiale

La Pubblica Amministrazione rappresenta per distacco netto, la quintessenza della burocrazia, come Mario Draghi lo è dell’economia, Maradona del calcio, Kubrick del cinema.

Ospiti illustri, insomma, ma non sono finiti qua.

L’Ammiraglio statunitense Hyman Rickover, pioniere della propulsione atomica che dopo la Seconda Guerra Mondiale si dedicò ad incarichi di ufficio presso la marina militare, rimane tutt’oggi famoso, ancor prima che per le innovazioni portate in ambito militare, per una sua frase simbolo che evidenzia questo rapporto tormentato tra uomo e istituzione:

“se devi commettere peccato, fallo contro Dio, non contro la burocrazia. Dio ti perdonerà ma la burocrazia no”. 

Non è un caso quindi che tra i settori, in cui oggigiorno maggiormente si richiede innovazione, ci sia proprio quello della PA, dove i tempi sono infinitamente lunghi e la complessità delle procedure crea intense problematiche non solo al singolo, ma all’intero apparato industriale che deve produrre in tempi veloci per poter sopravvivere.

Leggi anche: “Come un assistente virtuale migliora la performance del tuo servizio

Algho per la Pubblica Amministrazione

L’intelligenza artificiale rappresenta la frontiera più all’avanguardia in fatto di innovazione per quanto attiene alla Pubblica Amministrazione, ritagliandosi giorno dopo giorno, il suo spazio all’interno dei meccanismi poco oliati di un sistema così farraginoso.

Vediamo in quali modi l’assistente virtuale Algho Public Administration può supportare il rapporto tra ente e cittadino e quali istanze può soddisfare:

  1. INFORMAZIONI SUI SERVIZI DELL’ENTE – L’Assistente Virtuale risponde alle richieste di informazioni sui servizi erogati dall’ente, mediante l’interazione scritta o vocale e i suggerimenti automatici in chat
  2. RECUPERO DELLA DOCUMENTAZIONE – Grazie alla funzione Smart Document Access, il dipendente comunale può accedere a tutte le informazioni relative a regolamenti, normative, procedure con una semplice richiesta.
  3. NAVIGAZIONE DEL SITO WEB – Mediante la funzione di Browser Automation, l’Assistente Virtuale naviga in autonomia il sito web, portando l’utente nella sezione desiderata, senza barcamenarsi nella ricerca della corretta informazione.
  4. PRENDERE UN APPUNTAMENTO – Mediante il modulo Algho Booking, l’Assistente Virtuale potrà prendere appuntamenti per lo sportello, senza la necessità di integrarsi con i software dell’ente pubblico.
  5. RICERCA DELLA MODULISTICA – Il sistema consente di trovare i moduli e capire cosa serve per consegnarli attraverso una semplice richiesta. Oltre a fornire le informazioni necessarie riferite alla consegna di pratiche, indica anche il modulo corretto da scaricare.
  6. DOCUMENTAZIONE E CERTIFICATI – Il cittadino può richiedere il suo certificato o la sua autocertificazione da casa: l’autenticazione avviene attraverso lo SPID. L’Assistente Virtuale richiede tutte le informazioni necessarie per la consegna del certificato richiesto.
  7. INTEGRAZIONE CON IL CENTRALINO VOIP – L’Assistente Virtuale si integra con i centralini VoIP consentendo la gestione automatizzata delle chiamate in entrata e la prenotazione dei servizi.

I vantaggi sono chiari: per il cittadino, così come per il dipendente della PA, l’erogazione delle informazioni sarà semplice, veloce e accessibile grazie all’assistente virtuale a cui viene relegata totalmente la parte di ricerca.

Un’assistente che non conosce orari di ufficio, sempre disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Leggi il nostro caso studio, cliccando qui.