HypeBot: l’Intelligenza Artificiale entra in banca

HypeBot: l’Intelligenza Artificiale entra in banca

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La digitalizzazione è una necessità che richiede ogni settore, anche quello bancario. In questo nuovo scenario, l’intelligenza artificiale può senza dubbio rappresentare una svolta.

Con un impatto silenzioso ma potente, l’intelligenza artificiale è in grado di supportare e automatizzare i processi interni che coinvolgono i servizi alla clientela, affidando al software la parte automatica dell’operatività, per ridurre gli errori e velocizzare i risultati.

Leggi anche: “Algho Banking: 8 modi per supportare il settore bancario

Un’indagine condotta da Abi Lab, il Centro di ricerca per l’innovazione e la banca promosso dall’Associazione bancaria, evidenzia non a caso, che il:

  • 65% degli Istituti di credito ritiene l’Intelligenza Artificiale una priorità.
  • 94% delle banche dichiara che il budget destinato all’AI è in crescita.
  • 73% dei gruppi bancari sta sviluppando e implementando soluzioni di Intelligenza artificiale nella gestione dei contact center.
  • 65% dei customer service bancari sta lavorando a diverse soluzioni tra cui l’integrazione di sistemi di intelligenza artificiale.

HypeBot: l’intelligenza artificiale integrata

In quest’ottica di sviluppo è arrivato, nel maggio 2020, HypeBot, l’Assistente Virtuale di Hype.

Hype è una challenger bank nata nel Gruppo Sella. Lanciata nel 2015 con l’obiettivo di fornire ai propri clienti una gestione del proprio conto semplice e digitale, attraverso lo smartphone, conta oggi più di 1 milione e 300mila Clienti.

Proprio la digitalizzazione e la semplificazione dei servizi offerti sono state le due motivazioni principali che hanno spinto l’azienda ad adottare l’uso di tecnologie di intelligenza artificiale.

Questa scelta d’avanguardia ha da subito riscontrato l’interesse da parte della clientela e lo dimostrano i numeri nei suoi primi 5 mesi di attività:

  • Conversazioni sostenute: 340.913
  • Messaggi scambiati: 1086.431

Che cosa può fare quindi in sostanza l’Assistente Virtuale di Hype? Vediamolo insieme.

  • CONTO CORRENTE – Fornisce supporto per le operazioni da effettuare sul proprio conto corrente.
  • APP – Aiuta i clienti ad utilizzare le funzioni della app, guidandoli passo passo.
  • INFORMAZIONI – Fornisce informazioni sul servizio anche a chi ancora non è cliente, in maniera immediata. Laddove in passato l’attesa per parlare con un operatore avrebbe potuto richiedere ore, se non giorni, grazie ad HypeBot l’utente può trovare rapidamente una risposta alle sue richieste.
  • ZENDESK – Grazie all’integrazione con Zendesk i clienti HYPE possono interagire con gli operatori umani del Customer Support direttamente dalla chat di HypeBot.

Hype ha scelto di adottare un Assistente Virtuale con il preciso intento di aiutare il proprio Customer Support e con HypeBot ci è riuscito.

Con il sistema di intelligenza artificiale, i clienti troveranno sempre una guida in grado di aiutarli a risolvere i problemi di gestione in autonomia e, in caso di problemi più gravi, si avrà sempre a disposizione un operatore umano.